martedì, giugno 05, 2007

Grillo: il "profeta della Conoscenza"

Vorrei dire ancora qualcosa sul Grillo "profeta della Conoscenza", perché ho fatto una scoperta assai curiosa.

In molte occasioni, come anche nell'intervista radiofonica che trovate qui (ultima parte), Beppe Grillo ha parlato del copyright, dei brevetti e delle royalties come i veri ostacoli alla libera Conoscenza.
Siamo d'accordo, talmente d'accordo che gli abbiamo pure scritto una lettera, alla quale lui, però, non ha mai risposto.
I DVD di Grillo restano full-copyright.

Ma non c'è problema, se non di coerenza.

Dice Grillo, nell'intervista:
"[...] La prossima battaglia è questa: la conoscenza libera da diritti d'autore, libera assolutamente da royalties e da brevetti. Sono questi i grandi freni della conoscenza... sono questi brevetti, royalties... noi siamo copyleft, non copyright, siamo creative commons [...]".

Belle parole. E noi le condividiamo (profili semantici a parte).
Poi però, dopo avere sentito parlare del "caso Gestimar" (la società dei fratelli Grillo che chiese di poter usufruire del condono, dallo stesso Grillo tanto stigmatizzato), mi sono chiesto di cosa si occupi esattamente questa s.r.l. (che Beppe, apprendo, possiede al 99%).

Così sono andato su Infoimprese.it e ho scoperto che la Gestimar s.r.l. ha, tra le altre attività, "[...] LA REALIZZAZIONE ED ASSUNZIONE IN PROPRIO DEI DIRITTI RELATIVI ALLA REGISTRAZIONE DI MARCHI, BREVETTI ED OGNI OPERA DELL'INGEGNO CON PARTICOLARE RIFERIMENTO AL CAMPO ARTISTICO E COMMERCIALE. LA SOCIETA', CON L'OSSERVANZA DELLE DISCIPLINE NORMATIVE TEMPO PER TEMPO VIGENTI, POTRA' ASSUMERE E CONCEDERE AGENZIE, COMMISSIONI, RAPPRESENTANZE, CON O SENZA DEPOSITO, E MANDATI, ACQUISTARE, UTILIZZARE E TRASFERIRE BREVETTI E ALTRE OPERE DELL'INGEGNO UMANO, COMPIERE RICERCHE DI MERCATO ED ELABORAZIONE DI DATI PER CONTO PROPRIO E DI TERZI, CONCEDERE E OTTENERE LICENZE DI SFRUTTAMENTO COMMERCIALE [...]"

Ancora: non c'è problema, se non di coerenza.

Coerenza comica che però non mancò quando, davanti alla denuncia al ragazzino che vendette a prezzo di costo qualche copia del suo dvd, rispose: "Io non ho denunciato nessuno, sono stati i miei avvocati".
Battutona che assomiglia tanto a quest'altra: "Io la barca [n.d.r.: come D'Alema] non c'e l'ho! L'ho venduta sei mesi fa!". Si consoli allora, il "povero" Grillo, col suo parco auto, in cui non potrebbe certo organizzare la festa dell'idrogeno.

Ma non c'è problema, se non di coerenza.

Non parlategli, però, della sua incoerenza, delle sue sviste... si incazza (vedi confronto radiofonico con Paolo Attivissimo, che secondo Grillo sarebbe "uno che comincia adesso...").
E' passato dallo sfasciare i PC sul palco al loro elogio: potrebbe sembrare incoerente anche questo, invece non lo è.
Era con la demagogia che li spaccava ed è ancora con la demagogia che li elogia.
E tanti avrebbe trovato pronti a seguirlo nella distruzione di prodotti informatici, tanti ne trova pronti a seguirlo nella "prossima battaglia", la strenua lotta per la Conoscenza.

1 commento:

daniele ha detto...

Grillo è un ipocrita? Non è una novità! Hai mai sentito quello che dice il suo amico Portento di lui??